3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La valutazione dell'emocromo

 foto di provetteL'emocromo rappresenta una valutazione globale della costituzione corpuscolata del sangue.

Nel sangue esistono numerosi elementi circolanti taluni dei quali sono cellule deputate a funzioni importantissime nel nostro organismo.

I globuli rossi provvedono alla distribuzione dell'ossigeno nel corpo oltre ad avere importante funzioni nell'equilibrare l'ambiente ematico, i globuli bianchi presiedono principalmente alle attività difensive contro gli agenti esterni e le cellule neoplastiche, le piastrine rappresentano elementi fondamentali nella coagulazione del sangue e nelle attività dell'endotelio che riveste la parete interna dei vasi sanguigni.

Questi elementi corpuscolati vengono prodotti nel midollo osseo e dopo diverse fasi maturative vengono immessi nel circolo sanguigno per poi essere ricambiati periodicamente. L'eritropoiesi trilineare subisce delle alterazioni con diminuzione del quantitativo di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine in corso di trattamenti chemioterapici antitumorali e trattamenti radianti impiegati per le medesima motivazione.

Utile apprendere in modo generale e non sostitutivo della valutazione medicospecialistica le fluttuazioni dei parametri dell'emocromo. I globuli rossi esplicano la loro funzione di trasporto dell'ossigeno nei vari distretti corporei mediante una molecola complessa contenuta al loro interno e denominata emoglobina.

Questa molecola è costituita da una parte proteica ed un gruppo cosiddetto eme (contenente ferro) che legano l'ossigeno e lo cedono nei tessuti.

Il valore dell'emoglobina (parallelamente a quello dei globuli rossi) può diminuire in corso di chemioterapia e/o radioterapia: il valore al di sotto di 8 g/dl necessità un approccio trasfusionale. Al di sopra degli 8 g/dl e sino ai 10.5 g/dl è opportuno l'impiego di agenti stimolanti il midollo osseo nella produzione dei globuli rossi (eritropoietine).

Per quanto riguarda i globuli bianchi molto importante è valutare la quantità di un sottogruppo denominato neutrofili. Il valore assoluto di neutrofili non deve essere inferiore a 1000. Per valori molto bassi si può instaurare una pericolosa condizione clinica denominata neutropenia febbrile che richiede misure terapeutiche energiche e talvolta ospedalizzazione.

I farmaci impiegati per aumentare il numero dei globuli bianchi (ed in particolare di neutrofili) nel circolo sanguigno sono fattori stimolanti la crescita delle colonie di globuli bianchi (filgrastim e derivati). Le piastrine non debbono avere un valore assoluto inferiore a 100000. Se basse possono giovare corticosteroidi e l'assunzione di melatonina a dosaggi adeguati.

I fattori di crescita per i globuli rossi possono avere un piccolo effetto crociato anche sulle piastrine facendone aumentare il valore. Se i parametri dell'emocromo sono globalmente piuttosto alterati sicuramente può giovare un periodo più o meno lungo di riposo dai trattamenti antitumorali per consentire il recupero dell'organismo.

 

Dr. Carlo Pastore