3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Trattamento delle Metastasi Ossee

Il trattamento delle metastasi ossee

fabio cerza ortopedicoRiceviamo e volentieri pubblichiamo il contributo scientifico del prof. Fabio Cerza, specialista ortopedico.


Forse servirà  ancora molto tempo prima che la guerra definitiva contro il cancro possa dirsi definitivamente  conclusa ma molte battaglie sono  state vinte e la sopravvivenza dei malati , anche quando non si raggiunge la guarigione, si è molto dilatata nel tempo grazie alle più moderne tecnologie di diagnosi trattamento ed alle moderne terapie.


In considerazione della prolungata sopravvivenza le metastasi ossee del carcinoma  rappresentano sempre più un problema sociale e sanitario.

I principali obiettivi che desideriamo raggiungere nel controllo di questa patologia sono innanzi tutto il mantenimento di una buona qualità di vita, il controllo del dolore, la prevenzione  e l’eventuale trattamento delle fratture e la prevenzione ed il trattamento dei problemi relativi alla colonna vertebrale in primo le compressioni midollari secondarie .

Oggi per coordinare lo sforzo dei diversi specialisti che si adoperano nel trattamento di questa patologia, l’ortopedico, l’oncologo ed il radioterapista , sono state elaborate delle linee guida cui potersi attenere.

Il protocollo prende in considerazione diversi fattori quali il tumore primitivo , le condizioni generali , l’intervallo libero da malattia  e la biomeccanica del danno osseo legata al rischio di frattura, quindi la sensibilità alla terapia medica e radiante.

I pazienti vengono così divisi in quattro  classi  A;B;Ce D e ad ogni classe viene assegnata una indicazione chirurgica differente.

I pazienti delle classi A, B e C vengono inviati direttamente dal chirurgo ortopedico mentre i pazienti della classe D sono  trattati inizialmente con terapie non chirurgiche e solo  secondariamente possono essere trattati chirurgicamente.

I pazienti di classe A, metastasi solitarie di tumore a buona prognosi che hanno quindi una buona possibilità di lunga sopravvivenza , vengono  oggi trattati come se affetti da un tumore osseo primitivo che viene quindi asportato in toto  per eseguire poi una ricostruzione protesica che permetta una ripresa funzionale più completa possibile , diversamente nelle altre classi si tende a prevenire o trattare le fratture patologiche anche senza la asportazione chirurgica in toto  della lesione.

In conclusione il trattamento delle metastasi  ossee richiede un approccio multidisciplinare ed i moderni protocolli tendono  a coordinare le funzioni dei diversi specialisti e a migliorare la prognosi e la qualità della vita.

Prof. Fabio Cerza

Direttore Unità Ortopedia a  Traumatologia , Ospedale “P. Colombo”,  Velletri-Roma
Docente Specializzazione Università Campus Biomedico di Roma
Casa di Cura “ Villa Salaria” ,
Via Filippo Antonio Gualterio 127 , Roma

E mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.