3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Ipertermia al Fegato

Ipertermia al Fegato 7 Anni 6 Mesi fa #948

  • Simona
  • Avatar di Simona
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Gentile Dottor Pastore,

le scrivo per una richiesta urgente di informazioni.

Mia madre ha 64 anni ed è affetta da cirrosi biliare primitiva, nota dal 2001, curata solo con somministrazione di Deursil.

A Gennaio 2010 viene riscontrata una neoformazione del retto.
Il 15 Gennaio viene effettuata una procto-sigmoidectomia totale con TME ed ileostomia protettiva per adenocarcinoma del retto inferiore.
Dopo l'intervento sopraggiunge febbre e leucocitosi neutrofila con raccolta addominale, segue pertanto reintervento con disfacimento dell'anastomosi colo rettale e confezionamento di colostomia definitiva e chiusura dell'ileostomia. Soffrendo di cirrosi biliare primitiva non è seguita alcuna chemioterapia o radioterapia, ma solo controlli molto serrati con esito negativo fino a marzo 2011. Si sono però verificati plurimi episodi di anemizzazione per sanguinamenti dalla stomia per i quali ha affettuato emotrasfusioni.

Per una rivalutazione clinico strumentale della malattia e per una decisione terapeutica è stata ricoverata nuovamente il 16.06.2011. Oltre ad effettuare emotrasfusioni per correggere i valori, è stata effettuata una TAC all'addome con contrasto che ha riscontrato una ripresa di malattia al fegato, adenopatie addominali, peritoneo, non trattabili con chemioterapia o radioterapia a causa della cirrosi.
E' stata dimessa con la prescrizione solo di terapie di supporto.

Vorrei sapere se l'ipertermia è una strada perseguibile per contrastare la malattia.

Resto in attesa di un suo riscontro preliminare al fine, se lo riteneste opportuno, di inviare tutta la documentazione clinica e di fissare un appuntamento.

La ringrazio anticipatamente per quanto potrà fare per noi.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Ipertermia al Fegato 7 Anni 6 Mesi fa #950

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig.ra Simona,

l'ipertermia è ottima terapia di combinazione. Da sola ha la possibilità di contrastare la progressione di malattia anche se non con la stessa efficacia di una terapia multimodale. Da valutare se è possibile abbinare in questa condizione clinica un trattamento farmacologico chemioterapico a basso dosaggio. Suggerirei di fissarci un appuntamento al numero 331 9584817 con tutta la documentazione clinica e la paziente per una disamina accurata.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.