3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Le metastasi ossee

Le metastasi ossee 9 Anni 1 Mese fa #91

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
Moltissime neoplasie durante la storia naturale di malattia metastatizzano allo scheletro. Questo comporta delle alterazioni nell produzione dei fattori corpuscolati del sangue (globuli bianchi, globuli rossi e piastrine), delle alterazioni degli elettroliti plasmatici (in particolar modo il calcio), rischio di fratture patologiche (con tutto ciò che ne consegue), dolore. Una terapia specifica per contrastare l'avanzamento della patologia a livello scheletrico è quella con bifosfonati. In particolar modo con acido zoledronico. Tale farmaco, da somministrare per fleboclisi ogni 28 giorni, inibisce il riassorbimento dell'osso (occorre fare attenzione comunque alla calcemia) ed esercita una azione antineoplastica diretta nel tessuto osseo. Non da ultimo si può abbinare ad altre terapie farmacologiche (chemioterapia) o fisiche (ipertermia, radioterapia) nella cura del tumore. Prima di somministrare acido zoledronico occorre valutare la funzionalità renale e se sono stati eseguiti recenti interventi odontoiatrici (si è visto che nei pazienti manipolati dal punto di vista odontoiatrico è più alta l'incidenza di un raro effetto collaterale che è la necrosi dell'osso mandibolare).

Dr. Carlo Pastore
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.