3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Cancro della prostata: dopo l'ormonoterapia?

Cancro della prostata: dopo l'ormonoterapia? 9 Anni 3 Mesi fa #69

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
Cari Amici,

a me sembra un argomento quello in oggetto degno di nota e meritevole di delucidazioni. Le neoplasie prostatiche colpiscono un gran numero di persone, talvolta restando silenti sino a tarda età, talaltre volte portando rapidamente il paziente in una situazione delicata. La prima scelta farmacologica per queste neoplasie è rappresentata dall'ormonoterapia. Tale trattamento risulta molto efficace sin quando nella neoplasia non emerge una popolazione cellulare insensibile allo stimolo ormonale. A quel punto che fare? Il farmaco che si è dimostrato più efficace in questa condizione è denominato docetaxel (nome commerciale Taxotere). Esso consente di ottenere ancora una risposta della malattia. Non da ultimo è stato evidenziato che spesso è presente componente neuroendocrina in queste neoplasie in stato avanzato e pertanto ci si può giovare dell'aggiunta alla chemioterapia di octreotide (vedi su questo sito gli articoli inerenti la cromogranina A e l'octreotide). Se poi è presente diffusione ossea, si può aggiungere ulteriormente l'acido zoledronico (nome commerciale Zometa), avente una azione specifica antitumorale nello scheletro ed una azione inibente il rimaneggiamento osseo. Nonchè un effetto contro il dolore. Sulle localizzazione viscerali o contro il dolore è indicato poi un trattamento ipertermico.

Un caro saluto a tutti

Carlo Pastore
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.