3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Tunore all'endometrio con metastasi al fegato

Tunore all'endometrio con metastasi al fegato 4 Anni 9 Mesi fa #1817

  • deangelis
  • Avatar di deangelis
Buongiorno Dottore,
mia mamma sta combattendo con un tumore all'endometrio dal 2006. Fino ad oggi il tumore è stato tenuto sotto controllo con cure ormonali. Tuttavia ultimamente sono giunte alcune complicanze. Da una ecografia, a cui è seguita una risonanza magnetica, abbiamo scoperto metastasi multiple al fegato. Essendo il tumore all'endometrio scarsamente attaccabile dalla comune chemioterapia volevo sapere se era possibile intervenire con dei trattamenti di ipertermia.

La ringrazio anticipatamente per la risposta.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Tunore all'endometrio con metastasi al fegato 4 Anni 9 Mesi fa #1818

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

nella condizione descritta l'ipertermia si potrebbe impiegare quale coadiuvante sinergico rispetto ad un trattamento farmacologico specifico da porre in essere valutando la condizione generale della Paziente, tutti i dati anamnestici, esami strumentali eseguiti ed esami ematochimici. Data la localizzazione epatica, per quanto leggo, della malattia, potrebbe essere opportuna anche la valutazione di ulteriori metodiche di approccio locoregionale in radiologia interventistica.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.