3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: metastasi osse da cancro al seno

metastasi osse da cancro al seno 5 Anni 1 Mese fa #1745

  • GiannaM
  • Avatar di GiannaM
Gentile Professore,
ho 43 anni ed ho subito mastectomia e rimozione dei linfonodi nel 2010, seguita da chemio preventiva e tamoxifene. Due anni dopo, si presentano secondarismi ossei con conseguente resezione del femore e inizio chemioterapia.
Nel 2013, dopo 8 cicli di vinorelbina, sono passata alla terapia ormonale (+trastuzumab) che seguo tuttora, nonostante che nella Pet di ottobre si noti una leggera ripresa della malattia a livello osseo.
Il mio oncologo ritiene di continuare così finchè non ci saranno ulteriori peggioramenti, evento che lui dà per scontato. Vorrei porLe due domande, se è possibile: 1) mi sarebbe utile l'ipertermia e posso farla anche con una protesi d'anca? - se la risposta è si, allora 2) mi conviene aspettare che la situazione peggiori costringendomi ad una nuova chemio?
Il fatto è che non vorrei "bruciare" anzitempo una possibile buona arma a mia disposizione.
La ringrazio anticipatamente.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

metastasi osse da cancro al seno 5 Anni 1 Mese fa #1746

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Signora,

rispondo da oncologo chemioterapista oltre che esperto di terapie coadiuvanti ed in particolare di ipertermia oncologica. Una condizione come quella descritta a mio avviso meriterebbe già un cambiamento in primis dell'approccio terapeutico farmacologico. Difatti se la malattia è già in movimento vi è la problematica concreta di andare a proseguire la terapia in corso senza un vantaggioso rapporto rischio (di tossicità) / beneficio. Si potrebbe ipotizzare ad esempio, previa valutazione delle condizioni generali e degli esami ematochimici, un trattamento con una combinazione capecitabina - lapatinib. Utile certamente per lo scheletro un trattamento concomitante con acido zoledronico o denosumab se non vi sono ostative particolari. Fortunatamente le neoplasie mammarie hanno la possibilità di numerose opzioni di trattamento. L'ipertermia deve essere contestualizzata quale coadiuvante di un trattamento farmacologico e/o radiante potenzialmente efficace. Poi di per se ha comunque anche attitudine proapoptotica diretta, immunomodulante, antalgica, liberante endorfine. Se la protesi d'anca ha porzioni metalliche non è possibile trattare la parte dove essa è posizionata; ciò non preclude il trattamento di aree distanti. Altra controindicazione invece assoluta è la presenza di pacemaker e/o defibrillatore cardiaco impiantato.


Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.