3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Adenocarcinoma peritoneale

Adenocarcinoma peritoneale 5 Anni 7 Mesi fa #1658

  • claudior
  • Avatar di claudior
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Salve Dr Pastore.

Un mio carissimo amico di 51 anni è stato sottoposto ad una laparotomia esplorativa all'Ospedale di Mantova. All'intervento veniva rilevata una massiva carcinosi peritoneale di tipo miliare che interessa tutta la superficie peritoneale parietale e viscerale, l'omento e i mesi. Veniva confermata l'adesione dell'omento alle pareti del colon destro. Vista l'impossibilità di qualsiasi atto chirurgico curativo, venivano eseguiti prelievi biotipici multipli sul peritoneo e sull'omento. L'esame istologico estemporaneo parlava di localizzazioni di carcinoma poco differenziato. L'esame istologico definitivo parla di metastasi peritoneali multiple di edenocarcinoma poco differenziato con aspetti a cellule ad anello con castone; le cellule neoplastiche esprimono CDX2, CX20 e CK7. La estesa espressione di CDX2 depone per primitività dal grosso intestino.
Ora il mio amico è stato trasferito in Oncologia e sta per iniziare la chemioterapia endovenosa.
Quello che le chiedo è se l'ipertermia può, in questo caso, essere applicata come terapia "di rinforzo" alla chemioterapia.
Spero in una sua risposta.

Cordiali Saluti.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Adenocarcinoma peritoneale 5 Anni 7 Mesi fa #1659

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Claudio,

da quanto leggo direi di si. L'ipertermia può essere impiegata come coadiuvante sinergico con intento proapoptotico, adiuvante rispetto ai chemioterapici antiblastici, immunomodulante, antalgico locoregionale. Il paziente non deve avere però pacemaker e/o defibrillatore impiantato, voluminose placche o stent metallici nell'area corporea da trattare. Se presente versamento ascitico non vi è controindicazione assoluta ma deve essere preventivamente drenato.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.