3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Adenocarcinoma duttale del pancreas.

Adenocarcinoma duttale del pancreas. 5 Anni 11 Mesi fa #1547

  • Choppy
  • Avatar di Choppy
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Karma: 0
Egregio Dott.Pastore,
Le scrivo per avere un Suo parere in merito al caso che riguarda mia madre,75 anni.
Nell'Aprile del 2010 e' stata operata per Adenocarcinoma duttale del pancreas,con residua componente intraduttale papillare.
Neoplasia con distribuzione multifocole associata ad estesa pancreatite cronica (pT1).Uno dei 19 linfonodi locoregionale e' sede di ripetizione
neoplastica metastatica (pN1).I margini di resezione pancreatica,biliare,intestinale e retroperitoneale sono indenni (RO).
Due linfonodi sede di linfoadenite cronica.
pT1pN1 G2 RO Stadio IIB

Questa la diagnosi dopo l'operazione.
Ora a circa tre anni,trascorsi benissimo senza alcun problema,e senza fare chemio/radio dopo l'operazione,negli ultimi tre mesi abiamo riscontrato un aumento dei markers tumorali:
CEA mediamente sul valore di 7,50
CA 19-9 mediamente sul valore di 170/180.
La Pet non ha evidenziato nulla.
Una RMN fatta un mese prima della Pet ha evidenziato una piccola formazione nodulare con intensita' di segnale di tipo cistico,diametro 1,5 cm.circa,
localizzata all'estremiita' della coda pancreatica con modesto enhancement periferico.

Ora parlando con l'oncologo che segue mia madre,dopo averla visitata ci ha detto di un linfonodo ingrossato nell regione addominale e ci ha parlato di una ripresa della malattia e ci propone un trattamento chemio terapico con protocollo
Gemox,di 6 flebo;e a seguire un trattamento di radioterapia chirurgica sul linfonodo ingrossato.

Gradirei avere un Suo parere in merito ed anche l'indicazione della possibile applicazione della Ipertermia,vista anche la mia vicinanza alla Sua clinica.

La ringrazio per una Sua risposta,e La ringrazio per il tempo e la dedizione che dedica a chi La segue.

Cordialmente.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Adenocarcinoma duttale del pancreas. 5 Anni 11 Mesi fa #1548

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

avendo il Collega appurato (immagino visionando la documentazione in toto e le immagini degli accertamenti diagnostici radiologici) una ripresa di malattia, il percorso terapeutico prospettato appare idoneo. Allo schema di chemioterapia contenente gemcitabina ed oxaliplatino è possibile affiancare un trattamento radiante locoregionale ma anche un percorso in ipertermia. L'ipertermia può essere utilmente impiegata quale coadiuvante in sinergia con entrambi i trattamenti proposti. Suggerirei inoltre di dosare nel sangue la cromogranina A per verificare se è possibile aggiungere ulteriormente octreotide (o lanreotide) alla terapia impostata.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Adenocarcinoma duttale del pancreas. 5 Anni 11 Mesi fa #1549

  • Choppy
  • Avatar di Choppy
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Karma: 0
Gentilissimo Dr.Pastore,
La ringrazio per l'immediata risposta al mio quesito.
Volevo gentilmente chiederLe se l'ipertermia deve essere effettuata contemporaneamente alla chemio
o puo' essere sempre efficace effettuarla anche dopo il trattamento chemioterapico.
Questo ovviamente per non stressare troppo psicologicamente mia madre.
Scrivo dalla provincia di Viterbo.

Grazie e carissimi saluti.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Adenocarcinoma duttale del pancreas. 5 Anni 11 Mesi fa #1550

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Di nulla. L'ipertermia esprimendo la sua massima attitudine come terapia sinergizzante di combinazione dovrebbe essere eseguita nel periodo di chemioterapia (o radioterapia).

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Adenocarcinoma duttale del pancreas. 5 Anni 11 Mesi fa #1551

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Di nulla. L'ipertermia esprimendo la sua massima attitudine come terapia sinergizzante di combinazione dovrebbe essere eseguita nel periodo di chemioterapia (o radioterapia).

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.