3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee

adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee 6 Anni 9 Mesi fa #1304

  • DINO
  • Avatar di DINO
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 1
  • Karma: 0
Gentilissimo Dottor Pastore,
mia madre di 69 anni da circa 30 gg è in cura per un adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee (T3 N2 M1). Una settimana fa ha effettuato la prima Chemio con Permetrexed+cisplatino e la prossima settimana dovrebbe iniziare la radioterapia. Purtroppo da autodidatta ho capito che non ci sono speranze per la guarigione, ma vorrei il più possibile cercare di allungare la Sua vita. Sono venuto a conoscenza dell'ipertermia e volevo un Suo parere sulle possibilità di effettuarla nel caso di mia madre. Non so se le informazioni che Le ho dato possono essere sufficienti per una risposta, ma volevo capire se in caso di alcune metastasi ossee è possibile questo tipo di cura e dato che ci sono svariate soluzioni, quale tipo di ipertermia potrebbe essere utile alla causa. RingraziandoLa in anticipo, Le faccio davvero i complimenti per questo forum.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
The following user(s) said Thank You: carlopastore

Re: adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee 6 Anni 8 Mesi fa #1305

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

la condizione descritta è di una patologia assai seria per il suo grado di diffusione nell'organismo. Innanzitutto suggerirei se non è stato fatto di aggiungere acido zoledronico (in infusione ogni 28 giorni) per arginare la malattia a livello osseo oltre quanto può fare la chemioterapia. L'ipertermia capacitiva profonda a radiofrequenza trova indicazione nella presente condizione sulla malattia a diffusione locoregionale come coadiuvante sinergizzando con i farmaci antiblastici (il cisplatino ad esempio è un farmaco con buona sinergia), ottenendo un effetto proapoptotico, immunostimolante, antalgico. L'ipertermia total body ad infrarosso può essere impiegata per le sue caratteristiche come ulteriore elemento additivo sul versante della immunomodulazione e della analgesia. Riassumendo si potrebbe ipotizzare un percorso sequenziale delle due metodiche valutando condizione generale del paziente, parametri respiratori, cardiologici, vascolari. Occorre difatti sottolineare anche le condizioni nelle quali non si possono applicare le due metodiche (ipertermia capacitiva profonda ed ipertermia total body). L'ipertermia capacitiva profonda ha come controindicazioni assolute la presenza di pacemaker o defibrillatore impiantato e la presenza nell'area da trattare di placche metalliche o stent metallici. Controindicazione relativa è versamento pleurico nella condizione patologica descritta (relativa poichè si può procedere al drenaggio od al talcaggio prima di procedere con l'ipertermia). L'ipertermia total body invece è preclusa ai pazienti con insufficienza respiratoria, deficit cardiologico, alterazioni vascolari, metastasi cerebrali (maggior rischio di sanguinamento intralesionale). Suggerirei di dosare nel sangue la cromogranina A per verificare se è possibile aggiungere octreotide od il suo analogo lanreotide alla terapia in corso. Opportuna senza dubbio anche una energica terapia di supporto. L'obiettivo globale a mio avviso deve essere quello di migliorare sensibilmente la qualità di vita e sperabilmente la sua durata.

un caro saluto ed un sentito ringraziamento per gli elogi al presente portale, spero utile per molti.

un grande in bocca al lupo, restando a disposizione

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee 6 Anni 8 Mesi fa #1311

  • DINO
  • Avatar di DINO
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 1
  • Karma: 0
Gentilissimo Dottore,
Le sono davvero grato per avermi risposto e aver espresso un Suo giudizio in merito al caso di mia madre.
Mi permetto di inviarLe in allegato delle diagnosi del paziente in modo da poterLe dare un quadro clinico più chiaro dello stadio della malattia. Questo per avere un Suo responso più certo sulla possibilità di utilizzo di cure con ipertemia in associazione a chemio e radioterapia.
In caso affermativo, è possibile mettere in contatto due siti ospedalieri per coordinare le diverse cure o è più vantaggioso utilizzare un solo sito (sempre sia possibile) dove conciliare ipertermia chemio e radioterapia?
RingraziandoLa enormemente per la sua disponibilità e cortesia, doti divenute davvero rare nella nostra società, Le porgo Cordiali Saluti
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee 6 Anni 8 Mesi fa #1315

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Dino,

non è possibile allegare documentazione nel presente forum. Certamente dal punto di vista logistico sarebbe più opportuno per la paziente recarsi presso una struttura dove sia possibile eseguire un percorso completo anche se è ovviamente possibile tentare di coordinare più centri nell'ottica di una terapia integrata.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.