3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: REFERTO TAC PER PER TUMORE AL POLMONE

REFERTO TAC PER PER TUMORE AL POLMONE 7 Anni 3 Settimane fa #1235

  • cla
  • Avatar di cla
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
GENT.MO DOTT. PASTORE, le espongo il caso di mia madre (75 anni) che ha subito circa 6 anni fa un intervento per cancro al seno. Da allora esegue periodici controlli; l'ultimo di metà dicembre del sangue ha segnalato un'alterazione del valore del CA153 (eseguito due volte con 39.3 e successivamente 54.5) ha quindi eseguito d'urgenza PET e TC torace addome con i referti che le riporto di seguito.
L'oncologo dal quale siamo andati ha proposto il ricovero ospedaliero di urgenza tra una 20ina di giorni, perché siamo nel periodo delle festività. In realtà così siamo rimaste un pò confuse sulla diagnosi. Mi potrebbe spiegare in parole semplici che cosa è successo a mia madre? Nell'ipotesi di una recidiva del cancro al seno per come è scritto il referto di che gravità è?
La ringrazio per la disponibilità.
L'esame scintigrafico è stato eseguito a digiuno con tecnica PET/TC con m.d.c. iodato e.v. 60 minuti dopo la somministrazione endovenosa di (18F) fluorodesossiglucosio. Sono state acquisite immagini della distribuzione del tracciante per una durata di circa 30 minuti.
Sono state ricostruite sezioni tomografiche di 4.25mm di spessore orientate secondo piani assiali, coronali e sagittali.
Reperto scintigrafico: L'indagine PET evidenzia iperaccumulo del tracciante a livello della doccia costo-vertebrale superiore destra (SUVbw max 5.1).
Si evidenzia, inoltre, modico accumulo del tracciante (SUVbw max 2.0) a livello della regione parailare del polmone destro e della regione pleurica/subpleurica postero-laterale destra. Utile, su giudizio clinico, monitoraggio.
Si evidenzia, infine, disomogenea captazione del tracciante a livello del fegato. Utile, su giudizio clinico, esame RM.
Non si evidenziano aree di significativo iperaccumulo del tracciante a livello dei restanti segmenti corporei esaminati.
Conclusioni: Lo studio PET evidenzia patologia ad elevato metabolismo di glucosio a livello della sede di iperaccumulo segnalata.


TC torace addome pelvi con e senza mdc organoiodato ev
Esame eseguito senza e con mdc organoiodato in coregistrazione con indagine PET.
Parete toracica : Esiti di mastectomia sinistra .
Parenchima polmonare e vie respiratorie: Al polmone destro si rilevano numerose formazioni nodulari di dimensioni e densità diversa, quello più evidente nel segmento dorsale del lobo inferiore (12x6 mm). Strie fibrotiche in sede basale.
Pleura e pericardio: Focale ispessimento mammellonato in corrispondenza della doccia costo-vertebrale destra all'altezza di D5/D6 (più esteso) , di D7 e D8 (più ridotto). Assenza di versamento.
Mediastino: Non linfadenomegalie mediastiniche, ilari, ascellari.
Fegato: Di dimensioni aumentate e densità disomogenea per rilievo di areole di ridotto enhancement ai segmenti IV (8 e
10 mm) e VIII (8 mm) di non univoca interpretazione e piccole ipodensità parenchimali di più definito aspetto cistico : a giudzio clinico, utile controllo RM con mdc epatospecifico.
Vie Biliari: Non dilatazioni dell’albero biliare.
Milza: Non splenomegalia.
Pancreas: Non masse focali né dilatazioni duttali.
Surreni: Non espansi surrenali
Reni ed ureteri: Non idronefrosi, calcoli, lesioni solide.
Pelvi: Non masse pelviche. Compatibilmente con il grado di distensione vescicale non si apprezzano ispessimenti parietali.
Peritoneo e retroperitoneo: Non si apprezza gas libero né ascite.
Linfonodi addomino pelvici: Non linfadenopatie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: REFERTO TAC PER PER TUMORE AL POLMONE 7 Anni 3 Settimane fa #1236

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

PET e TC correlati con l'innalzamento del marcatore specifico per il seno evidenziano una probabile recidiva. Il coinvolgimento di malattia sembra polmonare, doccia costo-vertebrale destra e sospetto epatico (da indagare ulteriormente con RMN). Suggerirei un esame bioptico della formazione più facilmente raggiungibile (sotto guida TC) per la tipizzazione. A seguire, sulla base del tipo istologico, un trattamento combinato di chemioterapia ed ipertermia. Se fossero confermate le sedi di ripresa di malattia la situazione risulterebbe piuttosto seria.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.