3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: adenocarcinoma pancreatico IV stadio

adenocarcinoma pancreatico IV stadio 6 Anni 10 Mesi fa #1185

  • jessica
  • Avatar di jessica
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Karma: 0
Buonasera Dottore,
a mio padre è stato diagnosticato un adenocarcinoma pancreatico in IV stadio per secondarietà epatiche, ha 63 anni e una vita passata a fumare.Abbiamo sentito parlare di ipertermia oncologica e volevamo avere un parere in più sull'utilizzo di questa nel suo caso visto che i nostri medici ci hanno già iniziato a tarpare le ali, dicendoci che non va bene per tutti i tipi di tumore.
Cercherò di essere il più chiara e riassuntiva possibile sul quadro clinico:
-a gennaio 2011 ha iniziato con i sintomi di una gastrite che lo ha portato a marzo a eseguire un eco addominale dove hanno visto una piccola cisti di 12 mm nel 2° segmento epatico,piccolo polipo parietale di 5 mm, espressioni di colesterolosi,aorta addominale con diffuse e grossolane note di aterosclerosi parietale e per breve tratto ectasica con diam.max 23 mm
- a giugno a effettuare una esofagogastroduodenoscopia con biopsia EGDB che ha evidenziato un ernia jatale con segni di esofagite distale, cavità gastrica con mucosa erosa in antro ed edematosa al corpo, chiazze fibrinose nella mucosa del bulbo duodenale.
-la biopsia ha escluso presenza di helycobacter,ha evidenziato congestione vascolare entro la lamina propria con aspetti di iperplasia a carico dell'epitelio superficiale.
-TAC addominale ad agosto:grossolana tumefazione a densità disomogenea a margini sfumati con porzione centrale ipodensa,ad aspetto necrotico a carico del corpo del pancreas con diam. 4,5x4cm compatibile con processo produttivo.Due piccole immagini ipodense a carico del fegato di cui una in cupola all'VIII segmento con diam10mm e l'altra di 13mm al II segmento.
- CA 19.9 a settembre 487,2 markersT: CEA 2.5 markers epatite negativi
- settembre laparotomia esplorativa con biopsia escissionale di metastasi epatica.
Peso 60kg (calo ponderale 20kg) scarso appetito
Terapia antalgica: matrifen 25 mcg 1/2 cerotto ogni 72 ore,Brufen 600mg x 2 al dì, al bisogno Effentora 100mcg (6 al giorno). NRS al max 6
- ipertensione
Hanno proposto un programma di chemio antiblastica secondo lo schema GEM-DDP 1-8-15 per 3 cicli e successiva rivalutazione clinico-strumentale.
Hanno consigliato di intraprendere chemio antiblastica sistemica e proposto trattamento con Cisplatino e Gemcitabina.
Mi sono dilungata un po' ma ho cercato di fornirle più informazioni possibili perchè lei potesse avere un quadro più dettagliato possibile.
Vorremmo avere anche il suo parere riguardo alla situazione medica di mio padre e se anche secondo lei nelle sue condizioni non si possa intraprendere il trattamento di ipertermia.
la ringrazio anticipatamente per il tempo e l'attenzione che vorrà dedicare a questa mail e resto disponibile per qualsiasi ulteriori iformazioni lei abbia bisogno...
Jessica-Udine
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: adenocarcinoma pancreatico IV stadio 6 Anni 10 Mesi fa #1188

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 595
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Jessica,

si tratta di una condizione patologica seria. Il trattamento chemioterapico proposto è adeguato e ben si combina con un trattamento di ipertermia capacitiva profonda. L'ipertermia può giovare avendo un effetto sinergizzante con le terapie, immunostimolante ed antalgico. Doserei anche la cromogranina A nel sangue per verificare se un valore elevato di essa possa aprire la strada all'aggiunta di ocretotide (o lanreotide) alla terapia in corso. Al termine dell'ipertermia profonda utile anche un trattamento di ipertermia total body ad infrarosso (sul sito potrai trovare tutte le informazioni sulle metodiche che ho indicato).

un caro saluto

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
The following user(s) said Thank You: jessica