3317612698 - 3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Carcinoma uroepiteliale localmente invasivo

Carcinoma uroepiteliale localmente invasivo 7 Anni 3 Mesi fa #1153

  • Equamente
  • Avatar di Equamente
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Gentilissimo dottore
le scrivo la presente mail per attenuare le forti ansie derivanti dalla diagnosi di carcinoma alla vescica in mia mamma. La diagnosi è stata fatta l'anno scorso in seguito ad episodio di ematuria e dalla ecografia risultava neoplasia alla vescica. Siamo andati in trattamento endoscopico ogni 3 mesi ed ogni volta sono stati tolti elementi tipo "fragoline". Nel mese di settembre dall'ultima verifica endoscopica l'urologo constata che nella parti precedentemente colpite alcuna formazione si è rilevata mentre in un altra parte della vescica , quella superiore, l'urologo ha riscontrato una massa sospetta. L'esame istologico ha riscontratto esserci un carcinoma localmente invasivo e pertanto si procederà a asportazione totale della vescica. La mia ansia è che possano essersi formate delle metastasi in altri organi e che la vita di mia mamma possa essere messa a rischio, anche se il chirurgo lo esclude. Può in 3 mesi avvenire una cosa del genere? La ringrazio per la sua attenzione.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Carcinoma uroepiteliale localmente invasivo 7 Anni 3 Mesi fa #1154

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 614
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

l'intervento chirurgico radicale è senz'altro indicato in virtù della patologia recidivante. L'esame istologico definitivo dirà se sono necessari ulteriori approfondimenti (come una TC total body con mdc ed una scintigrafia ossea).

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.